2015 12 marzo

Finanziamenti agevolati: di nuovo operativo il Fondo per lo Sviluppo



Concessione alle PMI di finanziamenti agevolati per la realizzazione di investimenti e per lo sviluppo aziendale


Dal 2 marzo 2015 è operativo il Fondo per lo Sviluppo (L.R. 27 febbraio 2012, n. 2), per la concessione alle PMI di finanziamenti agevolati per la realizzazione di investimenti e per lo sviluppo aziendale.
Detto Fondo sostituisce il Fondo di Rotazione per le imprese artigiane (L.R. 12/2002- FRIA).


Le iniziative di investimento riguardano:
a) la realizzazione di investimenti (quali aiuti in "de minimis" o in esenzione),
b) prestiti partecipativi per la ricapitalizzazione di società di capitali,
c) prestiti partecipativi per la capitalizzazione di imprese costituite in forma di società di capitali risultanti dalla trasformazione di società di persone o imprese individuali.


In particolare le iniziative di investimento finanziabili riguardano tre tipologie:

  1. Creazione di un nuovo stabilimento, estenzione di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformazione fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;

  2. Acquisizione degli attivi di uno stabilimento esistente, nel caso in cui lo stesso sia stato chiuso o sarebbe stato chiuso qualora non fosse stata acquisito;

  3. Altre iniziative di investimento, quali sostituzione di macchinari esistenti, installazione di nuovi impianti, ammodernamento di impianti esistenti.


Per le nuove imprese (Start Up) sono inoltre previsti finanziamenti agevolati per la realizzazione di:
a) iniziative "seed" di studio, valutazione e sviluppo di un progetto aziendale iniziale;
b) sviluppo e commercializzazione del prodotto non ancora venduto;
c) acquisto di azienda o ramo d'azienda, al fine di mantenere sul mercato l'azienda acquistata.


Le domande devono essere presentate alle banche convenzionate (Fase 1) prima dell'avvio dell'iniziativa; nel caso in cui l'istruttoria bancaria risulti positiva, la banca stessa provvederà a trasmettere alla Segreteria del Comitato di gestione del Fondo per lo Sviluppo, l'apposita istanza di intervento agevolato (Fase 2), di cui una parte dovrà essere sottoscritta dall'impresa.


I finanziamenti agevolati sono concessi al tasso d'interesse fisso dell'1,30% e, nel caso di finanziamenti di importo non superiore a € 150.000,00, al tasso del 1,20%.


E' disposto che i finanziamenti agevolati debbano essere assistiti da garanzie reali il cui valore deve essere pari ad una quota minima del 90% dell'importo concesso (i valori cauzionali delle garanzie sono stabiliti dall'Allegato A del DPreg. 209/2012).


Maggiori approfondimenti, normativa, documenti e modulistica sono disponibili nel sito della Regione FVG


- See more at: http://www.confartigianatoudine.com/notizie-in-evidenza/finanziamenti-agevolati-di-nuovo-operativo-il-fondo-per-lo-sviluppo#sthash.0ztq2Y62.dpuf

Dal 2 marzo 2015 è operativo il Fondo per lo Sviluppo (L.R. 27 febbraio 2012, n. 2), per la concessione alle PMI di finanziamenti agevolati per la realizzazione di investimenti e per lo sviluppo aziendale.
Detto Fondo sostituisce il Fondo di Rotazione per le imprese artigiane (L.R. 12/2002 e e DPReg. 209/2012 - FRIA).
Le iniziative di investimento riguardano:
a) la realizzazione di investimenti (quali aiuti in "de minimis" o in esenzione),
b) prestiti partecipativi per la ricapitalizzazione di società di capitali,
c) prestiti partecipativi per la capitalizzazione di imprese costituite in forma di società di capitali risultanti dalla trasformazione di società di persone o imprese individuali.


In particolare le iniziative di investimento finanziabili riguardano tre tipologie:
1. Creazione di un nuovo stabilimento, estensione di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformazione fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;
2. Acquisizione degli attivi di uno stabilimento esistente, nel caso in cui lo stesso sia stato chiuso o sarebbe stato chiuso qualora non fosse stata acquisito;
3. Altre iniziative di investimento, quali sostituzione di macchinari esistenti, installazione di nuovi impianti, ammodernamento di impianti esistenti.


Per le nuove imprese (Start Up) sono inoltre previsti finanziamenti agevolati per la realizzazione di:
a) iniziative "seed" di studio, valutazione e sviluppo di un progetto aziendale iniziale;
b) sviluppo e commercializzazione del prodotto non ancora venduto;
c) acquisto di azienda o ramo d'azienda, al fine di mantenere sul mercato l'azienda acquistata.


Le domande devono essere presentate alle banche convenzionate (Fase 1) prima dell'avvio dell'iniziativa; nel caso in cui l'istruttoria bancaria risulti positiva, la banca stessa provvederà a trasmettere alla Segreteria del Comitato di gestione del Fondo per lo Sviluppo, l'apposita istanza di intervento agevolato (Fase 2), di cui una parte dovrà essere sottoscritta dall'impresa.
I finanziamenti agevolati sono concessi al tasso d'interesse fisso dell'1,30% e, nel caso di finanziamenti di importo non superiore a € 150.000,00, al tasso del 1,20%.
E' disposto che i finanziamenti agevolati debbano essere assistiti da garanzie reali il cui valore deve essere pari ad una quota minima del 90% dell'importo concesso (i valori cauzionali delle garanzie sono stabiliti dall'Allegato A del DPreg. 209/2012).


Maggiori approfondimenti, normativa, documenti e modulistica sono disponibili nel sito della Regione FVG al link http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/economia-imprese/artigianato/FOGLIA2000/


Per informazioni
Comitato di gestione del Fondo per lo sviluppo (L.R. 2/2012, art. 10)
Via Locchi, 19 - 34123 Trieste (TS) c/o FRIULIA SpA
Segreteria del Comitato di gestione del Fondo per lo sviluppo
PEC: fondosviluppo@certregione.fvg.it


Responsabile: Roberto Peressin - tel. 0432 245548
Stefano Degano - tel. 0432 245529
Chiara Mosanghini - tel. 0432 245531
Carlo Zuliani - tel. 0432 245534
Elena Zanini